Risorse per la Didattica Multimediale con la Lim

Flipped Classrom

Cos’è una flipped classroom?

Un nuovo modo di fare didattica è la "flipped classroom" ossia la classe capovolta. Il copovilgimento consiste sostanzialmente nel fatto che gli studenti studiano a classa e si esercitano o discutono in classe.

I compiti a casa degli studenti, quando una classe è "capovolta", sono quello di leggere e guardare i video online e altri materiali preparati o scelti dal loro insegnante. Il tempo in classe viene utilizzato per la discussione di concetti, per lavorare sulle difficoltà degli alunni, per fare esercizi di applicazione. Laboratori e altre applicazioni di apprendimento si verificano durante la lezione, quando l'insegnante è a disposizione per rispondere a domande, fornire chiarimenti,  nonché assistere e sostenere gli studenti.

Come si fa a "capovolgere" un lavoro in classe?

In un’aula copovolta gli studenti sono maggiormente responsabili del loro apprendimento .

Guardando video  online, lezioni, leggono materiali on-line, e completare le assegnazioni e le valutazioni al di fuori della classe. Le specifiche attività variano in base allo stile e alle preferenze del singolo insegnante. Tempo di classe faccia a faccia è utilizzato per rafforzare l'apprendimento, per identificare le lacune/diffioltà di apprendimento e di esaminare più a fondo i concetti.

Jonathan Bergmann e Aaron Sams (2012) sono stati tra i primi a "invertire" le loro aule. Hanno trovato che gli studenti volevano insegnanti per rispondere alle domande e aiutarli a quando non capivano i concetti. 

Perché "invertire" funziona?

Edutopia, un sito sponsorizzato dalla George Lucas Educational Foundation, riferisce che "invertire"modifica  i risultati di apprendimento in aula favorendo ritmi più individualizzati per gli studenti. Lo studio ha descritto come gli studenti possono muoversi al proprio ritmo e come gli insegnanti hanno più tempo per personalizzare il lavoro con gli studenti che hanno bisogno di un maggiore sostegno. Gli studenti che sono assenti trovano più facile da raggiungere perché possono guardare lezioni e accedere ad altri materiali online.

Bergmann e Sams (2012) hanno trovato che gli studenti hanno dimostrato una comprensione più profonda dei contenuti del corso, hanno assunto una maggiore responsabilità per l'apprendimento, e l’insegnamento è diventato molto più  personalizzato.

Per ulteriori appofondimenti: